Lingue minoritarie


referenti: Paola FloreancigPaola Cencini

 

La salvaguardia legislativa delle minoranze linguistiche inizialmente è stata  indirizzata verso il tedesco in Alto Adige (o Sud Tirolo) e il francese in Valle d'Aosta poste a tutela con l’a rticolo 6 della Costituzione Italiana del 1948.
Dal 1992 a Strasburgo diversi stati membri del Consiglio d’Europa, anche l’Italia, hanno firmato la Carta Europea per le lingue regionali o minoritarie, una convenzione importante che riconosce nelle lingue minoritarie un elemento fondamentale dell’Europa.
Con la legge n. 482 del 1999 è stata riconosciuta l'esistenza di altre dodici minoranze linguistiche definite "storiche" e prevede di  tutelare e promuovere l'uso ufficiale di tali lingue nell’amministrazione pubblica, in tutti i livelli di istruzione, nella comunicazione e in tutti gli aspetti della vita sociale e economica.

Lingue minoritarie oggetto di tutela in Friuli Venezia Giulia sono:

Friulano
Sloveno (in fase di elaborazione)
Tedesco 



Data: 18.01.2019